Wallpaper2

Scrivi qui tutto quello che non riguarda Sabayon Linux

Moderator: Moderators

Postby phobos(default) » Mon Jul 30, 2007 16:15

ispettorezenigata wrote:phobos ....tranquillo....tutti argomenti da piazzetta!!!

sai che mi mancano un pò i concerti di tulipa...almeno erano argomenti che ti strappavano un sorriso rispetto alle nanotecnologie e i complotti oscuri!!!


Meno male :?.....però purtroppo non ho ancora capito cosa sono......sapete basta farsi un giro per il web per preoccuparsi....... http://www.youtube.com/watch?v=VSP46lWvxJ4
Avevo letto che l'idea iniziale è della darpa...... il nome dice tutto
Ciao
phobos(default)
Advanced Hen
 
Posts: 205
Joined: Tue Jun 05, 2007 16:46

Postby gazal » Mon Jul 30, 2007 16:35

phobos(default) wrote:.....però purtroppo non ho ancora capito cosa sono......


Depuratori (nematodi modificati geneticamente fin dagli anni 70)
Agricoltura (microrganismi " " a scopo antiparassitario)
Militari: si, sopratutto loro.
Image
Commenti liberi/form facoltativo -- IE incompatibile !
gazal
Advanced Hen
 
Posts: 244
Joined: Sat Jul 14, 2007 10:02
Location: HiVi

Postby phobos(default) » Mon Jul 30, 2007 16:42

gazal wrote:Militari: si, sopratutto loro.

Ah che bello.............se non ci fossero loro non sapremo proprio cosa fare.. :wink: ....con tutti i loro aggeggi.....
Ciao
phobos(default)
Advanced Hen
 
Posts: 205
Joined: Tue Jun 05, 2007 16:46

Postby gazal » Mon Jul 30, 2007 17:14

Venaus: l'eresia e la rivolta

31 agosto - 1 e 2 settembre al Presidio No Tav di Venaus - Val Susa

Nel settecentenario del rogo di dolcino nei luoghi della resistenza No
Tav, tre giorni di iniziative per parlare di streghe e banditi, eretici e
contadini insorti e del filo che annoda le lotte di ieri a quelle di oggi.

Tre giorni di incontri, conferenze, assemblee, proiezioni, mostre,
banchetti, musica, danze, libagioni...

Domenica 2 settembre
ore 10,30 "Davide Lazzaretti (1878), il profeta del Monte Amiata" con
Gianni Repetto.

Dalle 15,30 Assemblea su Attualità delle lotte ereticali e prospettive
delle lotte contro le nocività oggi.

Alle 21,30 proiezione del film-documentario: Dolcino, ribelle in
Cristo.

Il filo rosso delle ribellioni popolari attraversa le epoche e i
confini e si intreccia nella memoria facendosi cosa viva nelle lotte di oggi.
Il mondo in cui viviamo è costruito sullo sterminio di ogni dissenso e
possibilità di vita autonoma. Ripercorrere i tentativi che nei secoli
hanno rappresentato forme di resistenza e di alternativa al dominio
dell'economia sull'umano, significa non soltanto riallacciare i fili della memoria
della nostra storia ma anche ritrovare la radicalità delle questioni da loro
poste. Questioni la cui attualità è immediatamente percepibile negli
interrogativi che oggi attraversano i movimenti di resistenza ad
un'idea di "progresso" che coincide con la ricerca sfrenata del profitto. Profitto
per i soliti pochi, profitto ad ogni costo. Devastazione e saccheggio dei
territori ma anche della vita e della libertà di noi tutti.
A 700 anni dal rogo degli eretici dolciniani, sconfitti dopo lunga
resistenza, ci troveremo al presidio di Venaus, luogo simbolo di una
resistenza che continua, per parlare di streghe, eretici, contadini
insorti e del filo che annoda le lotte di ieri a quelle che oggi. Ne sono
protagonisti i tanti che non credono che questo mondo di guerre feroci,
torture, disuguaglianze, razzismo, saccheggio e devastazione dei
territori sia il migliore dei mondi possibili.

Nel 1307 si concludeva sulle montagne biellesi l'ultima battaglia di
Dolcino e degli "Apostolici" contro la crociata feudale. Questa battaglia resta
nella storia come segno e memoria di un lungo conflitto. La lotta dei
ribelli contadini ed eretici riemerge nei movimenti giacobini del
1796-99, nelle lotte democratiche del 1848, accompagna la formazione di gruppi
operai di indirizzo anarchico e socialista a fine '800, nei nomi e nei luoghi
dolciniani nella Resistenza e nelle lotte operaie degli anni '60.
Nel lungo cammino delle rivolte popolari l'epica lotta antifeudale ed
egualitaria degli insorti dolciniani si dipana sul filo della memoria e
del tempo.

Nel 2007 nei nostri territori si lotta contro il TAV, contro i tir,
contro le emissioni dannose e contro tutte le nocività. Una lotta che dura da
tanti anni, una lotta popolare senza un capo e contro il concetto di capo,
fatta per sé e per tutti, per la riappropriazione della terra, della
socialità, del futuro contro i potenti.
Un percorso di eguaglianza e libertà costruito giorno dopo giorno nelle
assemblee popolari, nei comitati e dietro le barricate.
È una memoria che si intreccia con quella dei "touchini" del canavese e
giunge sino ai giorni nostri lungo vallate dove la rivolta contro i
potenti affonda le radici in un lungo percorso di eguaglianza e libertà e la
memoria dell'eresia si fa eresia della memoria.

...

Per il programma dettagliato, informazioni, approfondimenti ecc.
consultare, da agosto, il sito internet eresiaerivolta.noblogs.org
Tel. 3386594361


Dolcino, Lazzaretti, Guevara tutti morti ammazzati dal potere dominante
in combutta col clero.
Perchè i migliori eroi sono sempre dei perdenti?
Perchè ad Arcidosso sono ancora tutti fedeli alle idee di Davide? ( e lo so perchè ho frequentato Merigar)
La setta di Lazzaretti, i "Giurisdavidici", gli sopravvisse per altri cento anni ed ancora oggi i resti delle sue costruzioni, e un pugno di fedeli si ergono a monito e ricordo della sua incredibile vita
http://digilander.libero.it/trombealven ... cristo.htm .
Last edited by gazal on Mon Jul 30, 2007 17:34, edited 2 times in total.
Image
Commenti liberi/form facoltativo -- IE incompatibile !
gazal
Advanced Hen
 
Posts: 244
Joined: Sat Jul 14, 2007 10:02
Location: HiVi

Postby tulipa » Mon Jul 30, 2007 17:26

Gazal,
con quel piccolo ragionamento, volevo solo sottolineare come l'essere rivoluzionario e essere Santo (compassionevole, altruista, alla ricerca dello status insofferente) significa in realtà essere (forse) la stessa cosa. La lotta armata per cambiare e per raggiungere quell'equità sociale che ci permette poi di dedicarci alla ricerca di noi stessi è giustificata. A Cuba successe proprio questo. Tuttavia (e qui lo introduciamo per la prima volta) tutto è impermanente cosicchè è molto probabile che il tutto si evolva nuovamente e non sempre in modo positivo e continuativo. Ed è quello che è successo a Cuba, in Italia, in Spagna, In Argentina. E' però singolare notare che in alcune Società (scandinave, per esempio) persiste un certo immobilismo e una certa equità sociale per ora non minacciata.

Vale la pena ricordare le Guerre d'indipendenza italiane e successiavemente il delirio di un coglione come un certo sig Bossi?

La carne la mangi perchè ti piace o per compassione?
Il tuo "sabayon" glielo "installi" perchè ti piace o per compassione?
La tua compassione ti piace o ti fa soffrire?
Quando godi, soffri?
Quando soffri, godi?


La felicità dovrebbe essere qualcosa di più che una non-sofferenza:
per quest'ultima bastano un pò di cortisone, di morfina, di mantra... ecc.


C'è un pò di confusione, Gazal!

La non sofferenza è percepire che tutto è impermanente (anche quello stato siociale che auspichiamo libero, democratico, garantista e giusto). La sofferenza esiste (anche con tonnellate di morfina - non saprei disti se con un pò di mescalina....) ma esiste anche un modo per eleiminarla. Successivamente si è felici. Essere compassionevole è partecipare alla impermanenza degli altri e più o meno è quello che dicevi tu.

Vedi Gazal, io ancora non riesco ad accettare tutto questo. Io sono per la lotta e perchè possa intravedere un futuro per i miei figli. Ora come ora c'è una coltre di nebbia... ed è perciò che sono ancora di più incazzato.
puff!
tulipa
Old Dear Hen
 
Posts: 555
Joined: Tue Mar 13, 2007 18:39
Location: Cosenza

Postby ispettorezenigata » Mon Jul 30, 2007 17:33

non risolverete niente a lottare su un forum di linux chiamato piazzetta!


Image
ispettorezenigata
Old Dear Hen
 
Posts: 561
Joined: Thu May 03, 2007 11:47
Location: Cremona

Postby gazal » Mon Jul 30, 2007 17:39

ispettorezenigata wrote:non risolverete niente a lottare su un forum di linux chiamato piazzetta!


[img]http://img407.imageshack.us/img407/839/c3oe2.jpg[]


ma quale lotta!?
Si cazzeggia all'ombra di Sabayon,
intrattenendoci con quello che prude.

E tra un frizzo e un lazzo passa dell'info "altra"

Ma tu tulipa pratichi qualche forma di dharma?
Image
Commenti liberi/form facoltativo -- IE incompatibile !
gazal
Advanced Hen
 
Posts: 244
Joined: Sat Jul 14, 2007 10:02
Location: HiVi

Postby gazal » Mon Jul 30, 2007 17:55

gazal wrote:Quindi l'equità sociale ci sarà quando avranno tutti (una soglia minima di)
trasporti gratis, sanità, istruzione, connettività gratis,
lavoro gratis ( :shock: che vuol dire? boh! ) pensione gratis, casa cibo acqua luce smatimento-rifiuti gratis,
3 anni di maternità a stipendio pieno, politica gratis, giustizia gratis, e armi gratis per difendere questi diritti di base. 8)

:idea:


E' più o meno il programma che attuava il partito Baath
quando c'era Saddam !!!!!!
Incredibile, no?
Image
Commenti liberi/form facoltativo -- IE incompatibile !
gazal
Advanced Hen
 
Posts: 244
Joined: Sat Jul 14, 2007 10:02
Location: HiVi

Postby phobos(default) » Mon Jul 30, 2007 18:07

gazal wrote:E più o meno il programma che attuava il partito Baath
quando c'era Saddam !!!!!!
Incredibile, no?


Già....evidentemente era molto meno democratico rispetto noi...
E' incredibile che certa gente ragioni a NOT :wink:
Ciao
phobos(default)
Advanced Hen
 
Posts: 205
Joined: Tue Jun 05, 2007 16:46

Postby gazal » Mon Jul 30, 2007 18:13

phobos(default) wrote:E' incredibile che certa gente ragioni a NOT :wink:
Ciao


" a NOT" cosa vuoi dire? Non ti seguo.
Image
Commenti liberi/form facoltativo -- IE incompatibile !
gazal
Advanced Hen
 
Posts: 244
Joined: Sat Jul 14, 2007 10:02
Location: HiVi

PreviousNext

Return to Piazzetta

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest